informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Il master in MBA – Master of Business Administration a Reggio Emilia

Ben ritrovati sul Blog dell’Università Telematica Niccolò Cusano di Reggio Emilia. Oggi parleremo di uno dei più importanti e innovativi master online per diventare manager a Reggio Emilia, ovvero il Master online in MBA – Master of Business Administration.

Si tratta di un corso di studi innovativo e davvero di successo, nato negli Stati Uniti d’America ormai qualche decennio fa e che mira a fornire ai propri corsisti il massimo della competenza, della conoscenza e degli strumenti per diventare dei CEO e fare carriera nel management.

Grazie al suo piano formativo estremamente versatile e multidisciplinare questo master è perfetto sia per i laureati che vogliono specializzarsi in management a Reggio Emilia, sia per chi, già esperto del settore, voglia aggiornarsi professionalmente e migliorare le proprie competenze, oltre che aprirsi ulteriori porte a livello di carriera.

Questo corso di studi è quindi perfetto per tutti General Manager o per chi intende diventare General Manager a Reggio Emilia, come anche a tutti gli imprenditori e i professionisti che abbiano un background specialistico e che intendono acquisire esperienza in ambito manageriale, così da poter procedere con la loro carriera. Ma anche per tutti i dottori commercialisti e i liberi professionisti, i dipendenti e i consulenti di aziende pubbliche e private che intendono approfondire i loro strumenti in merito alla Business Administration e per tutti coloro che già ricoprono ruoli di gestione e dirigenza all’interno di aziende di carattere più o meno grande.

Gli sbocchi lavorativi di un master in MBA sono vari e tutti molto gratificanti, dal Chief Exacutive Officer, al General Manager, dal Project Manager, al Business Development Manager, dallo Human Resources Manager, al Marketing Manager, dal Finance Manager al Management Consultant.

Un corso di studi innovativo e assolutamente al passo coi tempi, che permette di mettere delle solide basi, oppure di rafforzarle ancora di più, nel vasto e complesso mondo del management e delle sue tante sfaccettature. Per questo il piano didattico toccherà materie di varia natura, da elementi di matematica generale, statistica ed economia politica, al General Management, passando per economia e finanza, contabilità e finanza, marketing management, business law, gestione delle risorse umane, decision making e tutto quello che può servire per diventare un Business Administrator di successo.

Per maggiori informazioni, non esitate a chiedere subito qui: il nostro staff è a vostra completa disposizione.

Commenti disabilitati su Il master in MBA – Master of Business Administration a Reggio Emilia Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Operatore di Prima Accoglienza: chi è, come lo si diventa e quali competenze deve avere.

Data l’enorme intensificarsi della quantità di migranti, in Italia come tutta Europa, quello dell’immigrazione e dell’accoglienza è un settore sempre più vasto e complesso, che richiede professionisti sempre più qualificati per gestire situazioni, emergenze e realtà che non fanno altro che complicarsi e diventare più delicate.

I ruoli professionali che si sono consolidati con il corso del tempo, fino a diventare materia di studio e preparazione accademica e, di conseguenza, offerte di lavoro, sono davvero tanti, per quanto ancora in pochi sappiano dare una definizione specifica di ciascun profilo.

Oggi parleremo nello specifico di chi è l’Operatore di Prima Accoglienza, quale preparazione accademica è richiesta per poter diventare un professionista e quali mansioni svolge nel grande settore dell’accoglienza e dell’amministrazione dei migranti nel nostro Paese.

Chi è l’Operatore di Prima Accoglienza.

Si tratta di una figura professionale nuova, che per quanto esista ormai da tempo nel settore, è stata delineata solo ultimamente in maniera più specifica, insieme alle sue mansioni e alle competenze e i requisiti fondamentali per diventarlo.

Come si può evincere dal nome, si tratta di un professionista che entra in azione nel primo stadio dell’immigrazione, cioè quello dell’accoglienza pratica dei migranti, che giungono stremati presso le coste italiane e hanno bisogno di essere soccorsi, poiché spesso in condizioni di salute estremamente precarie, se non addirittura in fin di vita.

Ad ogni modo, questo professionista è in realtà in grado di operare in ogni stadio dell’accoglienza, secondo gli standard della normativa vigente sull’accoglienza e l’immigrazione.

Normalmente operano nei Centri d’Accoglienza, appunto, fornendo supporto pratico, burocratico e spesso anche psicologico agli ospiti. Hanno infatti a che fare con migranti “forzati”, cioè coloro che si sono visti costretti ad abbandonare il loro Paese a causa di guerre, privazione dei diritti umani e circostanze violente. Sono spesso individui che hanno affrontato traumi e condizioni estreme, richiedenti asilo che hanno bisogno di un’accoglienza fisica ed emotiva.

Nel caso specifico di chi opera come psicologo nei centri di Prima Accoglienza, esso può aiutare sia i migranti, che gli altri Operatori coinvolti nel centro. Si tratta infatti di una professione particolarmente drenante a livello di energie fisiche ed emotive, che richiede una forte elaborazione e metabolizzazione delle realtà con cui si entra a contatto, delicate e sconvolgenti.

Come diventare un Operatore di Prima Accoglienza.

Per chi a Reggio Emilia si stesse chiedendo come diventare un Operatore di Prima Accoglienza, l’Università Telematica Niccolò Cusano, presente sul territorio con il suo Learning Centre, propone il Master online in Tecniche di prima accoglienza – il ruolo dell’Operatore di strutture residenziali a carattere comunitario, pensato ad hoc proprio per chi vuole svolgere questa professione.

Il master mira infatti a fornire tutti gli strumenti e le tecniche necessari per operare nel campo dell’accoglienza, che si tratti di strutture pubbliche o private, con uno speciale occhio di riguardo alla prima accoglienza. Questo corso di studi sarà quindi perfetto anche per chi opera in centri di volontariato in comunità di tipo familiare, oppure in strutture a ciclo diurno, ma anche in case-famiglia, case di riposo, comunità per minori, centri anti-violenza e hospieces.

Il concetto e le tecniche di accoglienza vengono quindi esplorate a 360º, premettendo un approfondimento dei diversi tipi di supporto a livello umanitario e sociale.

Si tratta di un corso di studi che, grazie alla sua modalità blended, si propone come soluzione perfetta per chi vuole aggiornarsi professionalmente e mantenersi competitivo a livello professionale, aumentando le proprie opportunità professionali.

Per maggiori informazioni rispetto a questo master, non esitate a chiedere subito qui.

Le competenze di un Operatore di Prima Accoglienza.

Per svolgere questa professione, le competenze richieste a livello accademico sono le seguenti:

  • Conoscenza dei contesti normativi, geopolitici e sanitari all’interno dei quali si svolgono le attività di accoglienza.
  • Gestione di strutture comunitarie di accoglienza.
  • Conoscenza della normativa di riferimento sulla Prima Accoglienza.
  • Capacità di controllare elettronicamente la tutela del diritto di assistenza nelle strutture residenziali.
  • Attività di counseling, anche di comunità.
  • Gestire il fenomeno del burn out nelle professioni d’aiuto.
  • Conoscenza di più lingue e più canali di comunicazione, soprattutto atti al supporto e al counseling.
  • Comprensione del fenomeno della multiculturalità.
  • Sviluppo di strategie di coping, sia per gli accolti, sia per i propri colleghi operatori all’interno di centri di accoglienza.
  • Conoscenze gestionali e amministrative legate alle attività svolte dal centro accoglienza all’interno del quale si opera.
  • Capacità di lavorare a stretto e perenne contatto con un team formato da professionisti con ruoli anche molto diversi tra loro.
  • Capacità di operare in condizioni di emergenza e forte pressione, anche emotiva.

Commenti disabilitati su Operatore di Prima Accoglienza: chi è, come lo si diventa e quali competenze deve avere. Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Quanto e come guadagna un Fundraising Manager: la questione della retribuzione a percentuale.

Quella del Fundraising Manager è ormai una professione a tutti gli effetti. Il settore della raccolta fondi si è infatti sempre più specializzato nel tempo, sia da parte delle organizzazioni no profit che la svolgono, sia da parte dei donatori, che richiedono maggiore riscontro delle risorse economiche da loro devolute in beneficenza.

Questo si traduce nella nascita di una nuova figura, quella del Fundraising Manager, che richiede una qualificazione specifica e dedicata per essere svolto, come ad esempio un diploma di master in Fundraising, e delle competenze ben precise, che spaziano dall’ambito umanistico e giuridico, fino a quello economico e manageriale.

Come ogni professionista, anche il Responsabile di una Campagna di Raccolta Fondi percepisce una retribuzione, che spesso varia nella tipologia anche a seconda del modo in cui si svolge questo lavoro, cioè se come dipendente o come consulente e libero professionista. Nel caso del secondo, ovviamente, ci sarà bisogno di possedere una partita IVA, con tutti i costi che essa prevede.

La questione della retribuzione a percentuale.

Il Fundraising a percentuale è forse la problematica più frequentemente incontrata da chi inizia a lavorare in questo settore negli ultimi tempi. In Italia, sono molti i professionisti e le associazioni che si stanno battendo contro questo nuovo modo di retribuire i Fundraising Manager.

I quattro motivi fondamentali per cui molti si oppongo alla retribuzione a percentuale sono i seguenti:

  1. L’efficacia dell’attività di un Fundraising Manager non dipende unicamente dal proprio operato, ma da una pluralità di fattori (come del resto qualsiasi altra professione). Dunque la maggiore o minore riuscita di una campagna di raccolta fondi non può essere il parametro di misura di un buon operato o meno.
  2. Come qualsiasi professionista, il bisogno di guadagnare uno stipendio degno per poter coprire le proprie spese quotidiane è un bisogno vitale. Legare tale retribuzione all’ammontare di fondi raccolti durante un fundraising significa mettere a repentaglio l’etica, per quanto ferrea, del fundraiser, che potrebbe essere indotto a scelte e comportamenti più mirati al guadagno personale che all’interesse dell’organizzazione per cui svolge una campagna di raccolta fondi, o all’interesse dei donatori.
  3. Alla base della professione del Fundraiser Manager vige la consapevolezza che il suo operato è direttamente legato a relazioni, fiducia, trasparenza, consenso e adesione reciproca con il donatore. Questi valori devono essere non solo mantenuti e rispettati, ma anche difesi grazie a condizioni di lavoro decorose e oneste.
  4. Il reale valore della prestazione fornita da un Responsabile di una Raccolta Fondi consiste anche nei risultati intangibili che la sua azione genera. Più in generale, non essendo il fundraising una questione di soldi, bensì di etica, il valore di un Fundraising Manager deve essere misurato sulla quantità di etica messa in campo e non sulla quantità di soldi donati che egli è riuscito a raggiungere.

Ovviamente questa è solo la punta dell’iceberg di una serie di altri aspetti negativi del fundraising a percentuale.

Andando più in profondità, una retribuzione a percentuale significa che l’organizzazione no profit per la quale si opera non è realmente intenzionata a investire sulla raccolta fondi che svolge, il che è un paradosso in partenza. Vuol dire infatti che è la prima a non sposare la propria causa, a sostenerla e a fare in modo che la mission venga raggiunta con successo. Se l’organizzazione è infatti la prima a non perpetrare la propria causa, perché dovrebbe farlo qualcun altro? Questo, oltretutto, si tradurrà nell’assenza di supporto prestata dall’organizzazione al proprio Fundraiser, che non verrà messo nelle condizioni adeguate per svolgere al meglio il proprio lavoro e avere quindi il successo sperato.

Inoltre, come tutte le professionalità, quella del Manager di una Raccolta Fondi non è un costo, bensì un investimento, forse il primo all’interno di una campagna di fundraising. Come investimento e come qualsiasi altra professionalità investita nel business plan (che per un’organizzazione no profit è il piano di fundraising) esso non può essere sostenuto a percentuale. Il Fundraiser non è infatti un procacciatore di affari, guadagni e clienti, bensì un veicolo di solidarietà ed etica.

Si crea, infine, un paradosso per cui una percentuale delle donazioni percepite debbano essere devolute a sostenere il fundraiser. Non solo questo prevede quindi la “truffa” del donatore, che a sua insaputa sta devolvendo parte delle sue risorse economiche al fundraiser, ma vuol dire che soldi che potrebbero essere spesi per raggiungere la mission verranno detratti per retribuire il fundraiser. E il cerchio si chiude, poiché si ritorna alla poca serietà dell’investimento da parte di un’organizzazione, che non si dimostra realmente attiva nel perseguimento di una causa e volesse raggiungere ogni onore, senza spendersi in nessun onere.

Commenti disabilitati su Quanto e come guadagna un Fundraising Manager: la questione della retribuzione a percentuale. Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali: come diventarlo e come certificarsi.

Le opportunità di lavoro per chi vuole diventare Garante per la Protezione dei Dati Personali sono vertiginosamente decollate da quando il 4 maggio 2016 è stato ufficialmente pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea L.119 il nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati 2016/679 | GDPR. Questo regolamento rende infatti obbligatoria la figura del Garante Dati all’interno di ogni tipo di azienda, che si tratti di un ente pubblico o privato, in tutti e 28 gli stati membri dell’Unione Europea, dando nuovo smalto alla figura del Data Specialist e la possibilità di una carriera florida e soddisfacente.

Di conseguenza, anche le certificazioni che attestano conoscenze e competenze di un Garante per la Privacy sono diventate fondamentali per poter svolgere questo ruolo e essere considerati per operare in quest’ambito, in Italia come all’estero.

Ma qual è il training da seguire per poter ottenere tutti i requisiti necessari per diventare un Garante per la protezione dei dati personali e quali le opportunità per chi vive a Reggio Emilia e dintorni?

Come certificarsi.

L’opportunità più valida per chi a Reggio Emilia vuole diventare un Garante per la protezione dei dati personali è data dall’Università Telematica Niccolò Cusano e il suo Master online di II livello in I nuovi professionisti privacy: il Responsabile della Protezione dei Dati Personali e i Privacy Specialist, svolto in partnership scientifica con il Centro Europeo per la Privacy (EPCE).

Si tratta di un corso di studi espressamente pensato per chi voglia certificarsi come Data Protection Officer, ma anche per chi vuole acquisire skill aggiuntive, sia a livello tecnico-scientifico, sia a livello giuridico. In questo modo, sarà possibile operare come DPO anche in settori più specifici, come quello bancario o sanitario, oppure come consulente privacy.

Di certo, un diploma di master vale molto più di un certificato e apre ancor più opportunità lavorative. Questo anche grazie al corpo docenti che insegnerà questo corso di studi. Formato da esperti professionisti del settore attivi nell’ambito della privacy e della protezione dati, workshop, simulazioni e seminari ad hoc saranno organizzati per espandere le competenze e la rete di conoscenze degli studenti.

Le competenze e le certificazioni dei vari professori possono inoltre essere consultate prima dell’iscrizione al corso di studi, così da poter avere ulteriore conferma del valore aggiunto garantito da questo master.

Per garantire una formazione organizzata, completa e approfondita, il corpo docenti ha inoltre ritenuto opportuno suddividere l’anno di durata del master in sei moduli differenti, ognuno dedicato ad un’area specifica del percorso per diventare Garante Privacy:

  • Introduzione al quadro normativo europeo e italiano
  • Quadro normativo europeo e il Responsabile della Protezione dei dati personali (Data Protection Officer)
  • Workplace Surveillance Privacy Specialist
  • E-Health Privacy Specialist
  • Bank and Insurance Privacy Specialist
  • Telco and Internet Privacy Specialist

Lo studio online: un’ulteriore opportunità.

A coronare questo training per diventare Garante della Protezione Dati è la natura telematica del master che, grazie alle piattaforme telematiche su cui verrà erogato in modalità blended, offrirà ancora più opportunità.

L’avere accesso a tutte le lezioni e al materiale didattico 24 ore su 24 da qualsiasi dispositivo connesso alla rete infatti permette di ottimizzare al massimo il proprio tempo, non solo organizzandolo a proprio piacimento secondo le proprie necessità, ma trovando spazio anche per esperienze lavorative e tirocini extracurriculari. Si tratta di grandi possibilità di potenziare il proprio curriculum e aumentare le offerte di lavoro al termine degli studi.

L’università, inoltre, si impegna ad offrire placement finale agli studenti più brillanti e ad aiutarli nella creazione di una carriera nel settore della privacy, sia a livello nazionale che europeo.

Similmente, per chi già è un esperto del settore e intende certificarsi, ampliando le proprie credenziali, aggiornandosi professionalmente e acquisendo nuovi strumenti, questo master ben si concilia con una carriera già avviata, permettendo di trovare il tempo sia per lo studio che per il lavoro.

A dare supporto sul territorio ci pensa invece il Learning Centre di Reggio Emilia, dove gli studenti possono decidere di vivere una vita universitaria più “tradizionale”, con lezioni in aula e momenti di studio comune con i propri compagni di corso.

Il tutor personale assegnato a ciascuno studente all’inizio dell’anno accademico sarà invece incaricato di seguire e consigliare il tutorato durante tutto l’anno, assicurandosi che gli obiettivi universitari e lavorativi vengano raggiunti con successo.

Informazioni e supporto.

Per maggiori informazioni rispetto al master, allo studio online o alle certificazioni per diventare DPO, non esitate a chiedere subito qui: il nostro staff è a vostra disposizione. Potete anche venirci a trovare sul nostro portale online oppure presso il Learning Centre. Vi aspettiamo.

Commenti disabilitati su Il Garante per la Protezione dei Dati Personali: come diventarlo e come certificarsi. Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Diventare Revisore Contabile: ecco il percorso da seguire.

Quella del Revisore Contabile o Esperto Contabile è una figura professionale sempre più ricercata, sia in Italia che all’estero e che quindi può rivelarsi una scelta di carriera molto florida e appagante grazie alle tante opportunità di lavoro.

Grazie all’ampliamento di mercati e imprese, infatti, tutte le aziende necessitano di un professionista che si occupi espressamente della redazione del bilancio d’esercizio e della gestione aziendale, oltre che delle dichiarazioni tributarie e dell’assistenza fiscale.

L’Esperto Contabile sarà quindi il punto di contatto e di comunicazione tra l’impresa presso cui opera e la Pubblica Amministrazione. Va da sé che si tratta quindi di una figura molto specializzata e altamente professionale.

Dunque, per diventare un Revisore Contabile non basterà un corso di laurea in Scienze dell’Economia, oppure in Gestione Aziendale. Per quanto punto di partenza più che valido per intraprendere questa carriera, bisognerà approfondire ulteriormente e garantire una maggiore specializzazione delle proprie competenze.

Il master online proposto a Reggio Emilia.

Per diventare Revisore Contabile a Reggio Emilia, un valido secondo step è il Master online in Accounting and Finance, proposto dall’Università Telematica Niccolò Cusano, presente sul territorio con il suo Learning Centre.

Questo master è dedicato proprio a chi vuole intraprendere tale carriera. Saranno quindi affrontati a 360º gli ambiti della redazione del bilancio d’esercizio e della contabilità d’impresa, mettendo inoltre gli studenti nelle condizioni di operare con la massima competenza anche nel controllo di gestione e nell’attività di auditing.

Durante l’anno di durata del master le materie trattate saranno quindi le seguenti:

  • Elementi introduttivi: impresa, società e bilancio.
  • La redazione del bilancio.
  • I principi contabili nazionali e internazionali.
  • L’analisi di bilancio, pianificazione e controllo di gestione.
  • La revisione legale dei conti.
  • Finanza aziendale e valutazione d’azienda.
  • Operazioni straordinarie.

L’insegnamento verrà inoltre affidato a un corpo docenti composto da veri e propri esperti che operano attivamente nel settore, che garantiranno un approccio fortemente job oriented, anche grazie a simulazioni, seminari e workshop.

Perché scegliere di studiare online.

Per tutti coloro che intendono affrontare il percorso per diventare Revisori Contabili, scegliere di studiare telematicamente è senz’altro la scelta migliore. Questo perché lo studio in rete permette di ottimizzare al massimo i propri tempi e poter usufruire di più opportunità al contempo.

Le piattaforme telematiche su cui il Master in Accounting and Finance viene erogato in modalità blended permettono infatti di avere accesso a tutte le lezioni e al materiale didattico 24 ore su 24 da qualsiasi dispositivo connesso ad internet.

In tal modo, ogni studente potrà organizzare il proprio tempo in maniera indipendente e personalizzata, conciliandolo anche con un lavoro già avviato. Ecco perché si tratta di un corso di studi perfetto anche per chi, già esperto del settore, vuole aggiornarsi professionalmente mantenendosi competitivo sul mercato del lavoro.

Al contempo, tutti coloro che ancora non operano come professionisti, possono mettere a frutto il tempo guadagnato con esperienze lavorative e tirocini che ampliano il loro curriculum e offrono più opportunità a livello professionale al termine degli studi.

Sul territorio c’è poi il Learning Centre di Reggio Emilia ad offrire un punto di riferimento agli studenti che intendono seguire le lezioni in aula, oppure incontrarsi con i propri compagni di studio.

Il tutor personale assegnato ad ogni alunno all’inizio dell’anno accademico garantirà inoltre un sostegno individuale e personalizzato, assicurandosi che gli obiettivi di ciascun tutorato siano raggiunti con successo.

Il tirocinio, l’esame di stato e l’albo.

Al termine del master, ad attendere ogni aspirante Revisore Contabile c’è il praticantato triennale, per accedere al quale bisogna iscriversi al Registro dei Tirocini. Si tratta di uno step fondamentale, solo al termine del quale si potrà sostenere la prova per l’Esame di Stato, che abilita alla professione.

L’Esame di Stato consiste in due prove scritte, una prova orale e un’esercitazione pratica. Solo una volta superate con successo tutte queste prove sarà possibile entrare formalmente a far parte dell’Albo dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e iscriversi alla Cassa Nazionale di Previdenza dei Ragionieri, così da essere riconosciuti a tutti gli esperti come dei Revisori Contabili professionisti.

Informazioni e supporto.

Per maggiori informazioni, non esitate a chiedere subito qui, oppure a visitare il nostro portale online. Il Learning Centre di Reggio Emilia è poi sempre disponibile come punto di riferimento.

Commenti disabilitati su Diventare Revisore Contabile: ecco il percorso da seguire. Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Master online in Business Administration a Reggio Emilia: quali le opportunità e gli sbocchi lavorativi.

L’Università Telematica Niccolò Cusano di Reggio Emilia, presente sul territorio con il suo innovativo Learning Centre, apre ancora una volta le porte a tante opportunità per gli studenti della nostra città e dei dintorni.

Questo grazie al Master online di II livello in MBA Master of Business Administration, attuale e altamente specializzante. Si tratta di un corso di studi che getta le sue radici molto indietro nel tempo, all’inizio del XX secolo, quando fu creato dagli Stati Uniti per far fronte alla grande industrializzazione che il Paese stava affrontando. Specialisti che sapessero come gestire e guidare al meglio imprese e aziende erano assolutamente fondamentali per garantire il successo economico.

L’approccio alla gestione aziendale diventa quindi scientifico e oggetto di studi, ricerche, sperimentazioni e invenzioni che, ad oggi, continuano ad innovarsi e cambiare all’ordine del giorno.

Ecco perché ieri, come oggi, seguire un MBA è fondamentale per chi vuole operare nell’ambito della direzione d’impresa.

Le finalità didattiche dell’MBA di Reggio Emilia.

Il master online in Master of Business Administration di Reggio Emilia mira dunque a fornire una preparazione fortemente specializzata e completa in merito alla gestione aziendale.

Il percorso formativo sarà orientato alla sviluppo e all’approfondimento delle competenze, conoscenze e strumentazioni più recenti nell’ambito dell’economia, della finanza, dei mercati, del general management, del marketing, del diritto aziendale e delle nuove tecnologie.

Professionalità altamente specializzate, che sappiano operare in maniera indipendente, versatile ed efficiente in questi settori sono, sono dunque il fine ultimo di questo corso di studi.

Gli sbocchi lavorativi.

Ma di quali professionalità parliamo nello specifico? I ruoli che gli studenti potranno ricoprire al top delle competenze e del know how sono:

  • Chief Executive Officer
  • General Manager
  • Project Manager
  • Business Development Manager
  • Human Resources Manager
  • Marketing Manager
  • Strategy Manager
  • Finance Manager
  • Management Consultant

Per maggiori informazioni, non esitate a chiedere subito qui. A presto!

Commenti disabilitati su Master online in Business Administration a Reggio Emilia: quali le opportunità e gli sbocchi lavorativi. Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Master online in Tourism Management a Reggio Emilia: le tante opportunità offerte da Unicusano.

Lavorare nell’industria del turismo non è una professione per chiunque. Non basta avere la passione per i viaggi, o avere un’infarinatura molto vaga su come funziona. Questo è vero soprattutto quando si parla di governance e management turistico, ambiti in cui una preparazione adeguata e specializzata è assolutamente fondamentale. Parliamo di preparazione accademica, come quella che può essere fornita da un master in tourism management, o da un altro corso di formazione affine.

Le opportunità per chi vive a Reggio Emilia.

Vivere a Reggio Emilia e volersi specializzare in questo settore non sono più due concetti lontani tra loro, anzi. Il Master online in Tourism Management proposto dall’Università Telematica Niccolò Cusano offre infatti la soluzione.

Erogato in modalità blended sulle piattaforme telematiche Unicusano, questo corso di studi permette agli studenti di organizzare il proprio tempo accademico in maniera personale, così da poterlo conciliare anche con una professione già avviata.

Il master diventa quindi perfetto anche per chi voglia aggiornarsi professionalmente, acquisendo nuove conoscenze e competenze.

Il Learning Centre e il tutor personale, invece, offrono un punto di riferimento più territoriale e “concreto”.

Le finalità didattiche del master.

Caratterizzato da uno spiccato approccio job oriented e arricchito da workshop, simulazioni e tirocini, sia curriculari che extracurriculari, così da garantire un ampliamento della propria rete di contatti e conoscenze e maggiori possibilità di placement finale, al termine di questo master gli studenti saranno in grado di:

  • Gestire in autonomia e professionalità azioni di management e governance all’interno di imprese e destinazioni turistiche, sia di carattere nazionale che internazionale.
  • Rapportarsi con qualsiasi tipo di realtà turistica: imprese alberghiere, tour operator, agenzie di viaggi, imprese di ristorazione e tutte le altre tipologie di aziende operanti nel sistema turistico.
  • Valorizzare e garantire uno sviluppo sostenibile delle risorse culturali con cui lavorano.

Per maggiori informazioni, non esitate a chiedere subito qui: a presto!

Commenti disabilitati su Master online in Tourism Management a Reggio Emilia: le tante opportunità offerte da Unicusano. Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Master online in Nuovi professionisti del web a Reggio Emilia: diventa un media factory!

Quando si parla di attività commerciali e aziende, il web è ormai diventato un “luogo” tanto importante quanto la realtà in cui viviamo. La presenza sulla grande rete è cruciale sia per le vendite e le azioni di marketing, sia per costruire una comunità intorno al marchio. Questa presenza richiede conoscenze e modi specifici e viene quindi affidata ad esperti che sappiano come farla fruttare al meglio.

Corsi di master per diventare professionisti del web e corsi di formazione mirati a questo settore sono sempre più diffusi e richiesti, così da poter garantire una professionalità e una competenza di tutto rispetto.

Le opportunità a Reggio Emilia e perché scegliere un master online.

Per chi a Reggio Emilia fosse interessato proprio a questo tipo di carriera, l’Università Telematica Niccolò Cusano propone il Master online in Nuovi professionisti del web: i media factory. Erogato in modalità blended grazie alle piattaforme telematiche Unicusano, questo corso di studi permette di ottimizzare il proprio tempo al massimo, organizzando lo studio in maniera indipendente e personalizzata. Questo perché le lezioni e tutto il materiale didattico sono disponibili 24 ore su 24 da qualsiasi dispositivo connesso ad internet. D’altro canto, il Learning Centre di Reggio Emilia e il tutor personale offrono un supporto e un punto di riferimento più “concreto” a tutti quegli studenti che ne hanno bisogno, soddisfacendo ogni tipo di necessità.

Le finalità del master.

Al termine degli studi, tutti gli studenti saranno dei professionisti del web e saranno quindi in grado di:

  • Padroneggiare ogni tipo di linguaggio digitale.
  • Gestire e operare con i mezzi brand entertainment oriented e partecipativi, come ad esempio blog, social network e community.
  • Pianificare una strategia digitale.
  • Operare a livello di SEO e SEM.
  • Operare nell’ambito e-commerce.
  • Ideare e gestire strategie di marketing efficaci e progettare format digitali.

richiesta informazioni master online reggio emilia

Commenti disabilitati su Master online in Nuovi professionisti del web a Reggio Emilia: diventa un media factory! Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

A Reggio Emilia la magistrale in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni è online!

Continuiamo l’esplorazione delle tante opportunità proposte a Reggio Emilia dall’Università Telematica Niccolò Cusano a chi vuole intraprendere una carriera nel mondo della psicologia parlando di un nuovo corso di laurea magistrale online in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni.

Rivolto ai laureati in Scienze e Tecniche Psicologiche o a tutti coloro che durante il loro corso di laurea hanno appreso le conoscenze di base della filiera psicologica, questo corso di laurea magistrale intende fornire insegnamenti specifici atti allo sviluppo di competenze nell’ambito dell’assessment, dell’intervento psicologico e della gestione delle risorse umane nei contesti delle imprese e delle organizzazioni. Particolare attenzione sarà data allo sviluppo di conoscenze e competenze relative alla prevenzione e gestione di condizioni di disagio psicologico lavoro correlato.

A livello di struttura, la magistrale è suddivisa in due fasi, corrispondenti ai due anni di durata del corso. Durante la prima fare verranno consolidate e messe in pratica le competenze e le conoscenze acquisite durante il triennio precedente. Durante la seconda fase, invece, si entrerà nel vivo dell’ideazione, della progettazione e della programmazione di interventi riguardo la selezione, l’assessment, la consulenza e l’orientamento professionale delle risorse umane all’interno di un’azienda o di un’organizzazione.

Gli sbocchi lavorativi sono di vario tipo: servizi pubblici e privati volti all’orientamento e al migliore impiego di capacità e potenzialità personali in ambito lavorativo, ma anche imprese, aziende, enti pubblici, istituzioni e apparati educativi, sanitari e militari per indagare e promuovere i climi e le culture organizzative. C’è poi la possibilità di lavorare nel terzo settore, in associazioni o cooperative, che gestiscono servizi residenziali e semiresidenziali o che realizzano progetti di prevenzione e riduzione del disagio nel corso della vita. C’è poi ovviamente la possibilità di lavorare in autonomia, come collaboratore o consulenze presso enti, aziende o privati di vario tipo.

Vi aspettiamo quindi per scoprire di più rispetto a  questo corso di laurea magistrale online…a presto!

Commenti disabilitati su A Reggio Emilia la magistrale in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni è online! Studiare a Reggio Emilia

Leggi tutto

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali