informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Storia della matematica dalle origini a oggi

Commenti disabilitati su Storia della matematica dalle origini a oggi Studiare a Reggio Emilia

Sei curioso di conoscere la storia della matematica dalle origini fino ad oggi?

In questa guida ripercorreremo la storia della disciplina attraverso le sue tappe più importanti, parlando delle scoperte più significative e delle personalità che hanno lasciato il segno nel corso dei secoli.

La matematica è una disciplina presente in moltissimi corsi di laurea dell’Università Niccolò Cusano, anche se non si tratta sicuramente del primo approccio che hai con questa materia così affascinante. Conoscere la matematica e cercare di comprenderla può aiutarti a sviluppare un pensiero logico, ma anche a cavartela nella vita di tutti i giorni.

Ripercorriamo ora le tappe più importanti che hanno portato allo sviluppo della matematica dalle origini ad oggi.

Come nasce e come si sviluppa la matematica nei secoli

Chi ha inventato la matematica? Quali sono stati i matematici famosi che hanno segnato lo sviluppo della disciplina? A queste (e molte altre) domande risponderemo nei prossimi paragrafi della nostra guida.

LEGGI ANCHE – Relazione tecnica descrittiva: che cos’è e come si scrive

grandi matematici

Gli albori

Le prime testimonianze dell’esistenza della matematica affondano nella notte dei tempi: già prima delle fonti scritte, si notano disegni che testimoniano un’attività di misurazione del tempo basata sull’osservazione delle stelle.

Secondo gli esperti, i primi conteggi sono ad opera delle donne, che registravano i loro cicli mensili o le fasi lunari.

L’origine dei numeri, o meglio, del concetto di numero risale a tempi remoti: probabilmente le prime considerazioni riguardavano i branchi di animali e la distinzione tra i concetti di “uno” “due” e “molto”, come ancor oggi fanno alcune popolazioni come gli zulu e i pigmei africani.

Le prime nozioni matematiche che ci sono giunte dall’antica India risalgono al periodo 3000 a.C. – 2600 a.C., prevalentemente nell’India settentrionale e nel Pakistan.

In queste regioni sono nati sistema di pesi e misure uniformi il quale si serviva di frazioni decimali, una tecnologia dei mattoni sorprendentemente avanzata che utilizzava i rapporti di strade disposte secondo perfetti angoli retti e di una grande varietà di forme e figure geometriche.

Parlando di matematica e civiltà antiche, i testi matematici più vecchi provengono dall’antico Egitto, nel periodo del Regno di mezzo, (2000-1800 a.C. ca., papiro di Mosca), dalla Mesopotamia, (1900-1700 a.C. ca, tavoletta Plimpton 322) e dall’India, (intorno all’800 a.C.-200 D.C., Sulba Sutras).

Senza entrare nel vivo della storia della geometria, segnaliamo la presenza ricorrente del teorema di Pitagora, che pare essere il più antico e diffuso risultato matematico che va oltre l’aritmetica e la geometria elementari.

Epoca medievale

Spostiamoci ora nell’epoca medievale, con un focus particolare sul versante europeo.

A seguito della caduta dell’Impero romano d’Occidente, gran parte della matematica greca si perde. Nei secoli immediatamente successivi, non ci sono state grandi innovazioni nel campo.

Tuttavia, in questo periodo, ha esercitato uno dei più grandi matematici di tutti i tempi: Leonardo Fibonacci. Grazie al suo Liber Abaci, l’Europa ha conosciuto il sistema di numerazione decimale e lo zero. Nel trattato si trovano molti problemi di natura pratica o commerciale, alcuni di essi comunque svelano le grandi doti di matematico di Fibonacci come quello della moltiplicazione dei conigli che genera la sequenza di Fibonacci.

 

La matematica europea moderna prende vita nel XV secolo, grazie ai contributi di menti illustri come Regiomontano e Luca Pacioli.

Dal Cinquecento al Settecento

Ripercorriamo ora la storia della matematica nell’arco di tre secoli:

  • Il Cinquecento
  • Il Seicento
  • Il Settecento

Il Cinquecento europeo ha visto un forte interesse verso l’algebra: proprio in questo secolo si cominciano ad accettare i numeri negativi chiamati spesso “falsi”.

Tra le innovazioni più significative del secolo segnaliamo i logaritmi descritti da John Napier nel Mirifici logarithmorum canonis descriptio.

Da segnalare anche una vera e propria rivoluzione della notazione matematica, che riguarda ad esempio:

  • Johann Widman è stato il primo ad utilizzare i segni + e -;
  • Robert Recorde ha inventato il segno =;
  • William Oughtred ha utilizzato il segno x per indicare la moltiplicazione.

Nel Seicento la storia della matematica vede importanti sviluppi. Fra tutti, gli scienziati iniziano a riunirsi in accademie come la Royal Society e la Académie française.

Tra i contributi più importanti da segnalare, quelli di Bonaventura Cavalieri (1598-1647) e Evangelista Torricelli (1608-1647), a cui dobbiamo lo studio del “metodo degli indivisibili” che lavorava sulle figure solide come composte da infiniti piani di spessore infinitesimo.

Nel campo della geometria, molti sviluppi rilevanti sono da attribuire a Cartesio(1596-1650), che nel suo La Gèometrie illustra i concetti fondamentali della geometria analitica, già scoperti in realtà da Fermat. A Cartesio dobbiamo lo studio di quelli che oggi definiamo “assi cartesiani”.

Nel XVIII secolo al centro degli studi c’è l’analisi matematica. Sulla scia del lavoro di Bernoulli, Eulero, uno dei matematici famosi della storia, ha introdotto la costante di Eulero-Mascheroni e le funzioni gamma e beta. Oltre a questo, Eulero ha trovato anche molti metodi per la soluzione delle equazioni differenziali usati anche oggi e ha lavorato con Jean d’Alembert su questioni che hanno a che fare con la meccanica razionale.

L’Ottocento

L’Ottocento è un secolo davvero importante per la storia della matematica, tanto da essere definito come L’età dell’oro della matematica.

Proprio in questo periodo hanno visto la luce importanti periodici matematici come il Journal di Crelle e il Journal di Liouville e sono nate  anche le prime società matematiche, come la London Mathematical Society.

Tra i grandi matematici del secolo, ricordiamo sicuramente Carl Gauss. La sua ricerca ha toccato quais tutte le branche della matematica: in particolare, Gauss ha dimostrato il teorema fondamentale dell’algebra e ha lavorato sulla teoria dei numeri pubblicando nel 1801 le Disquisitiones Aritmeticae.

Il Novecento

Nel Novecento si assiste ad una moltiplicazione di teoremi e scoperte matematiche.

Tra le personalità più significative figura sicuramente David Hilbert che, in un congresso del 1900, ha lanciato i 23 problemi che avrebbero dovuto fare da guida nella matematica novecentesca. Molti di questi problemi sono stati risolti, positivamente o negativamente, ma restano aperti l’ottavo e il dodicesimo.

Studiare la matematica: corsi di laurea Unicusano

La matematica è una disciplina fondamentale per la vita di tutti i giorni. Lo è ancora di più per chi intraprende un percorso di studi di natura scientifica.

In diversi corsi di laurea dell’Università Niccolò Cusano è presente l’insegnamento della matematica, propedeutica all’apprendimento anche di altre discipline.

I vantaggi di essere uno studente Unicusano sono tantissimi. Tra i principali:

  • Didattica fruibile online, grazie alla nostra piattaforma di e-learning attiva H24;
  • Offerta formativa ampia e adatta a tutte le necessità;
  • Servizio di tutoring e orientamento;
  • Accesso a stage e tirocini.

Ciascun corso di laurea prevede degli obiettivi formativi specifici e prevede diversi sbocchi professionali, consultabili nella pagina web dedicata ad ogni percorso.

Nella nostra offerta formativa, oltre ai corsi di laurea, ci sono anche Master e Corsi di aggiornamento professionali. La formazione post laurea, fondamentale nel caso in cui si desideri consolidare la propria preparazione, offre sicuramente un orientamento più pratico ed accrescere così le competenze già acquisite in ambito accademico o professionale.

Per iscriverti ai nostri Corsi di laurea o ai nostri Master, contattaci o chiama il numero verde 800.98.73.73

LEGGI ANCHE – Aiuto allo studio universitario a Reggio Emilia

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.