informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è l’accisa sui carburanti e da cosa è dato il costo della benzina

Commenti disabilitati su Che cos’è l’accisa sui carburanti e da cosa è dato il costo della benzina Studiare a Reggio Emilia

L’accisa sui carburanti è un tema molto dibattuto sia in scienze delle finanze, che nell’opinione pubblica. Quando parliamo di accisa facciamo riferimento ad un’imposta sulla fabbricazione e vendita di prodotti di consumo. Nella maggior parte dei Paesi, il prezzo dei carburanti è gravato da accisa, specialmente nei paesi non produttori. Anche l’Italia, come saprai, è soggetta a questa imposta.

Ma come funzionano le accise sulla benzina, cosa sono e qual è il loro valore? In questa guida dell’Università Niccolò Cusano di Reggio Emilia ti risponderemo proprio a queste domande, per capire il meccanismo di questa imposta e la sua rilevanza nel mondo accademico. Se sei pronto, iniziamo subito.

Quello che devi sapere sulle accise sulla benzina in Italia

Abbiamo detto che l’accisa sul carburante è un’imposta che ha una certa rilevanza nella scienza delle finanze, materia che studia e approfondisce tematiche correlate a questo. Se sei uno studente di economia o vorresti diventarlo, questa guida ti aiuterà a fare chiarezza su questo tema. Non ti resta che dedicarti alla lettura.

LEGGI ANCHERiviste di economia: le migliori da leggere

Cosa sono le accise?

Apriamo questa guida con una definizione di quella che, comunemente, chiamiamo “tassa sulla benzina” ma che, in realtà, è proprio l’accisa. L’accisa è una imposta indiretta sulla fabbricazione o sulla vendita di alcune specifiche categorie di prodotti.

Non esiste dunque solamente l’accisa sul carburante: questa tipologia di imposta indiretta si applica a prodotti di vario genere come il tabacco, gli alcolici, il carbone, il gas.

Questa tipologia di imposta viene pagata solamente da chi usufruisce di quel determinato bene, in proporzione alla quantità acquistata. Nel momento in cui sono state introdotte in Italia, le accise si pagavano per voci specifiche; dal 1995 si tratta di una voce unica di  entrata per lo Stato e dal 2013 è stata inserita come misura strutturale dalla legge di stabilità di quell’anno.

L’accisa in Italia

Come abbiamo detto, l’accisa sul carburante non è l’unica ad esistere sul territorio nazionale. Ad oggi sono soggetti ad accisa oli minerali e derivati, alcool e bevande alcoliche, fiammiferi, tabacchi lavorati, energia elettrica, gas metano, oli lubrificanti.

Le cause dell’accisa sulla benzina e sui carburanti in genere sono state attribuite, nel tempo, a emergenze di cassa dello Stato, la volontà di limitare le importazioni e la necessità da parte del Governo di limitare i danni da inquinamento dell’utilizzo di queste sostanze (green tax).

Il valore dell’accisa sul carburante varia a seconda dell’uso che l’acquirente intende farne: in generale maggiore per il trasporto, minore per il riscaldamento. Facendo riferimento al carburante per l’autotrazione, da quando sono state introdotte le accise sono state menzionate diverse motivazioni, comprese emergenze provocate da eventi naturali e non.

Come abbiamo detto, dal 1995, le accise sono state inglobate in una unica accisa indifferenziata e senza più riferimenti alle originali motivazioni. Per farti capire di cosa stiamo parlando, le accise erano:

  • 1,90 lire (0,000981 euro) per il finanziamento della guerra d’Etiopia del 1935-1936;
  • 14 lire (0,00723 euro) per il finanziamento della crisi di Suez del 1956;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il disastro del Vajont del 1963;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo l’alluvione di Firenze del 1966;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Belice del 1968;
  • 99 lire (0,0511 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976;
  • 75 lire (0,0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980;
  • 205 lire (0,106 euro) per il finanziamento della guerra del Libano del 1983;
  • 22 lire (0,0114 euro) per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996;
  • 0,02 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004;
  • 0,005 euro per l’acquisto di autobus ecologici nel 2005;
  • 0,0051 euro per far fronte al terremoto dell’Aquila del 2009;
  • da 0,0071 a 0,0055 euro per il finanziamento alla cultura nel 2011;
  • 0,04 euro per far fronte all’arrivo di immigrati dopo la crisi libica del 2011;
  • 0,0089 euro per far fronte all’alluvione che ha colpito la Liguria e la Toscana nel novembre 2011;
  • 0,082 euro (0,113 sul diesel) per il decreto “Salva Italia” nel dicembre 2011;
  • 0,02 euro per far fronte ai terremoti dell’Emilia del 2012.

Studiare scienze delle finanze: i corsi di laurea economici Unicusano

L’accisa sulla benzina fa capo ad una branca di studio particolare che è la scienza delle finanze. Si tratta di quella branca dell”economia che studia l’attività finanziaria pubblica.

Si definisce attività finanziaria pubblica quell’attività svolta dallo Stato e dagli enti pubblici per acquisire, gestire e impiegare i mezzi occorrenti per soddisfare i fini di pubblico interesse. Parliamo dunque nella gestione dei mezzi finanziari che affluiscono alla pubblica amministrazione (entrate pubbliche) e che vengono da essa erogati per il conseguimento delle finalità programmate (spese pubbliche).

La scienza delle finanze non si occupa solamente delle accise sul carburante, ma anche di varie imposte sui redditi delle persone fisiche e giuridiche, sui consumi (IVA), su specifiche produzioni di beni e servizi. Queste imposte chiaramente hanno un peso sull’economia sia sul piano macroeconomico, agendo su variabili macroeconomiche quali consumi, risparmi e investimenti, sia dal punto di vista microeconomico, modificando le scelte individuali.

Come fare per studiare scienza delle finanze e diventare un professionista nel campo economico-finanziario? I corsi di laurea dell’Università Niccolò Cusano rappresentano la soluzione ideale per te. Questi corsi sono, nello specifico:

Parliamo ora delle caratteristiche di ciascun corso di laurea.

Corso di Laurea in economia aziendale e management

Il primo passo da compiere per apprendere tutte le conoscenze che ti servono per diventare un professionista nel ramo economico-finanziario è il corso di laurea triennale in economia aziendale e management.

Questo corso di laurea permette allo studente di acquisire di conoscenze fondamentali nei vari campi dell’economia e della gestione delle aziende pubbliche e private, nonché i metodi e le tecniche quantitative della Matematica per le applicazioni economiche, della Matematica finanziaria e attuariale e della Statistica. La preparazione fornita al laureato in ambito aziendale è arricchita grazie alla previsione di crediti formativi nell’ambito delle materie giuridiche, necessari alla conoscenza del quadro normativo di riferimento all’interno del quale si svolge l’attività aziendale.

La didattica di questo corso di laurea comprende l’insegnamento di diverse discipline; il tutto viene erogato online, grazie ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24.

Gli sbocchi lavorativi sono molteplici e tra questi possiamo menzionare:

  • Contabili
  • Economi e tesorieri
  • Amministratore di stabili e condomini
  • Tecnici dell’organizzazione e della gestione dei fattori produttivi
  • Tecnici della gestione finanziaria
  • Tecnici del lavoro bancario
  • Agenti di borsa e cambio, tecnici dell’intermediazione titoli e professioni assimilate

Corso di laurea in scienze economiche

Dopo il corso di laurea triennale potrai proseguire i tuoi studi con il corso di laurea magistrale in scienze economiche. Il corso di laurea prevede l’acquisizione di elevate conoscenze per l’analisi e la definizione di politiche economiche e aziendali, riuscendo ad applicare le metodologie della scienza economica e di quella aziendale per analizzare le complessità della società contemporanea e risolvere i problemi economico-sociali in una prospettiva dinamica e globalizzata. Completano la formazione l’acquisizione di una elevata padronanza degli strumenti statistici e dei principi e istituti dell’ordinamento giuridico.

Su cosa sono le accise sul carburante e come studiare scienza delle finanze abbiamo detto tutto, per oggi: se ti affascina questo mondo e desideri trasformare la tua passione in una professione, iscriviti ai nostri corsi di laurea. Per iscriverti, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali