informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Non ho finito di studiare: come capire se presentarti comunque all’esame

Commenti disabilitati su Non ho finito di studiare: come capire se presentarti comunque all’esame Studiare a Reggio Emilia

Continui a dirti “non ho finito di studiare” e l’esame è vicino: l’ansia sale e non sai se è meglio buttarti, provare, o evitarti tutto questo rimandare al prossimo appello. Qual è la scelta migliore?

Ti sarà capitato di avere così paura di prendere un brutto voto o di essere bocciato, da voler rinunciare a presentarti l’esame e presentarti direttamente al prossimo appello.

Tra l’ansia pre esame, l’insicurezza, l’eterna indecisione, i sensi di colpa, la paura di fallire è tanta e ognuno la gestisce a modo proprio.

Tuttavia, è davvero vantaggioso rinunciare a eseguire l’esame a priori? O è meglio almeno tentare?

In questo articolo facciamo luce su questo fatto, analizzando vari fattori che influenzano le nostre decisioni.

Meglio dare l’esame o rimandare?

Essere assaliti dai dubbi prima di un esame è normale: non importa quanto ha studiato, specie se sei una persona insicura, l’ansia pre esame è sempre in agguato. E se non hai finito di studiare? L’ansia è ancora peggio e vorresti tanto rinunciare…ma sarebbe la scelta più giusta? Continua a leggere i consigli dell’Università di Reggio Emilia Unicusano per capire se ne vale davvero la pena rimandare gli esami!

A volte l’ansia ci fa credere di non essere pronti abbastanza…

Ogni esame porta con sé una buona dose d’ansia.

L’ansia pre esame a volte paralizza: tuttavia dovrai imparare a gestirla per riuscire a sfruttarla a tuo vantaggio.

L’ansia ci fa credere di non aver studiato abbastanza, che l’esame sarà troppo difficile e che per colpa di tutte queste preoccupazioni, andrà male per forza. Non è così. È vero: può accadere che un esame vada male per colpa della troppa ansia. ma cerca di razionalizzare sempre questa situazione e concentrarsi sull’obiettivo da raggiungere: passare l’esame e nient’altro. Tenta e vedi come va, ma intanto ci provi.

…così come la mancanza di autostima!

Anche la scarsa autostima gioca un brutto scherzo. A volte pensiamo di non essere pronti quando invece abbiamo già studiato a sufficienza.

Studiamo da mesi per quell’esame, eppure, ci autosabotiamo pensando non sia ancora abbastanza.

Invece, è molto importante riconoscere le proprie potenzialità. Se hai commesso errori in passato, aggiusta il tiro, ma non permettere all’insicurezza di farla da padrone!

Si impara di più da una sconfitta che da una rinuncia

Sembrerà una frase fatta, ma è così: rinunciando, stai scappando da una situazione che poteva essere occasione di crescita e miglioramento.

Nel caso il tuo esame andasse male, cerca di capire cos’è andato storto: hai calcolato male i tempi? Non ti aspettavi fosse così difficile? Troppe distrazione?

Porsi queste domande è essenziale per fare meglio la prossima volta e trasformare questo “fallimento” momentaneo come una vittoria a lungo termine.

Non ho finito di studiare, ma tentare non nuoce: non accade nulla se dovesse andare male

Anche se l’esame dovesse andare male, lo potrai ridare. Sì, è avvilente riprendere in mano i libri e studiare ancora ciò che pensavamo di poter accantonare almeno per un po’ e dedicarci finalmente ad altro.

Quello che consigliamo è di prepararsi al meglio in ogni caso. Dai sempre il massimo e cerca di sfruttare bene il tuo tempo per arrivare il più preparato possibile alla prova. Non partire già con l’idea che sarà un tentativo.

Se però preferisci prenderti più tempo per poter studiare meglio e hai la certezza che andrà male poiché sei consapevole di ciò che hai e non hai fatto, allora aspetta. Dai la priorità ad altri esami e, quando sarà il momento dai questo esame per ultimo.

Così sarai anche più fiducioso in un risultato positivo.

A volte la fortuna gira anche per te

Mai sottovalutare la dea Fortuna!

Sebbene sarebbe uno sbaglio molto grave contare solamente su di essa, però può accadere che tentando di dare un esame di cui non ci si è preparati brillantemente, si riesca comunque a passare.

Ovviamente, sperare in un 30 è un po’ troppo ambizioso e speranzoso, ma mai dire mai.

A volte quando si inizia a rinunciare, si tenderà a entrare in una spirale di continue rinunce

Non incappare nel blocco dello studente. Ad alcuni studenti capita di sentirsi così sopraffatti da tutti gli esami e il carico di studio che cominciano a perdere il coraggio di sostenere esami.

Questi studenti e studentesse faticano a dare due o tre esami per sessione e ritornare in carreggiata sembra un’impresa. Sebbene ci sia un senso di sollievo nel rinunciare ad un esame, poi ti assaliranno i sensi di colpa e peggio, dovrai gestire l’ansia di doversi affrontare il prossimo anno.

In generale, l’idea di procrastinare in continuazione potrebbe portarti a perdere tempo e opportunità: piuttosto, cerca di impegnarti al massimo nello studio e, anche se hai la convinzione (che ricordiamo, potrebbe essere frutto di poca fiducia!) di non superare l’esame, prendi in considerazione l’idea di affrontare la prova.

Su come affrontare gli esami senza rimandare e se ti senti poco preparato abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che iniziare a studiare e prepararti al massimo per la prossima sessione d’esame.

***

Credits Immagine: DepositPhotos / IgorVetushko

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali