informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 5 curiosità sulla memoria che (forse) non conosci

Commenti disabilitati su Le 5 curiosità sulla memoria che (forse) non conosci Studiare a Reggio Emilia

Siamo onesti, il cervello è senza dubbio l’organo più misterioso che abbiamo. Proprio per questo è fonte di attrattiva e di molteplici curiosità che virano attorno alle sue straordinarie capacità.

Tra i vari interrogativi, spicca quello relativo alla memoria e se esiste un limite per la quantità di informazioni che possono essere immagazzinate. A seguire, quale sia il legame tra un ricordo e un’emozione, se è reale o è solo un caso.

Intanto, partiamo con un pensiero comune, confermato dai fatti: con l’età, alcune funzioni cerebrali tendono ad “arrugginirsi”, assecondando il ritmo degli anni che passano. Questo perché si verifica una naturale perdita neuronale che – a causa di una produzione inferiore di neurotrasmettitori – possono provocare dei vuoti di memoria.

In realtà, tutto quello che ci accade durante la nostra esistenza, resta impresso nella mente per tutta la vita.

Allora quali sono i retroscena che non conosciamo? Scopriamoli in questo articolo.

Memoria e curiosità: tutto quello che non sai

Per definizione, il ruolo della memoria è quello di salvare le varie informazioni che si acquisiscono durante la propria esperienza di vita. In realtà, per la complessità che la rappresenta, esistono però svariate stranezze riferite proprio al suo funzionamento.

Ecco 5 curiosità sulla memoria che probabilmente non conosci.

Il cervello non dimentica

Il primo mito da sfatare, la leggenda metropolitana che tutti conosciamo, è uno: il cervello dimentica? No.

Tutti i ricordi e le informazioni accumulate nel tempo, non possono essere mai dimenticate del tutto. Poi, in base alle caratteristiche del ricordo, vengono spostati in un’area apposita del cervello, più accessibile o più stabile.

Allora per quale motivo non ricordiamo le cose?

Si tratta del fenomeno dell’oblio, che è a conti fatti una difficoltà che si sviluppa nel recuperare i dati che ci servono. Per i soggetti sani non affetti da patologie particolari, come l’Alzheimer o la demenza senile, si può condurre il tutto al principio della distrazione, soprattutto per gli eventi appena accaduti.

L’effetto Mandela

L’effetto Mandela è il caso eclatante legato alla possibilità del cervello di creare falsi ricordi. In questo caso, ci si riferisce ad un fenomeno realmente accaduto: quando Mandela fu rilasciato dalla prigione, l’evento scioccò la popolazione che credeva, erroneamente, che lui avesse perso la vita in prigione.

Ancora oggi, questo effetto rappresenta al meglio il fenomeno secondo cui si ricordano degli eventi in maniera distorta o che non si sono mai davvero verificati.

Lo stress gioca un ruolo predominante

Ebbene, lo stress è una piaga, nel vero senso della parola. Non lo è solo per il corpo, ma anche per la mente. Infatti, ha il potere di compromettere la salute psico-fisica di chiunque si trovi in una situazione difficile.

Anche il cervello non è esente, tutt’altro.

Secondo studi ampiamente dimostrati, lo stress va ad inficiare le modalità di apprendimento e le funzioni relative alla memoria, disturbando il soggetto durante il sonno e originando una serie di patologie concatenanti.

Per quanto riguarda gli effetti sul cervello, lo stress va ad influire sull’amigdala e sull’ippocampo che – a lungo andare – provocano un effettivo deterioramento della memoria.

I ricordi sono legati alle emozioni

Quando si parla di archiviazione dei ricordi, non ci si riferisce ad un processo autonomo ma correlato allo stato d’animo che in quel momento stiamo vivendo.

In parole povere, sarà più semplice ricordare situazioni che viviamo in luogo in cui ci troviamo rispetto ad un altro.

Stesso discorso se scomodiamo il fattore emotivo: la memoria tende a salvare i ricordi nei quali abbiamo vissuto intensamente quelle emozioni. Insomma, se siamo tristi, verrà più naturale ricordare dei momenti in cui serbavamo lo stesso stato d’animo.

L’Ipermnesia

Parlando in generale, le persone sono accomunate da una capacità chiamata memoria selettiva; ovvero, quella che ci consente di tenere impressi i dettagli più importanti, dimenticando ciò che consideriamo “superfluo”.

Inoltre, il cervello riesce anche a ricostruire dei fatti per colmare i vuoti.

Esistono però, nella moltitudine, rari esemplari d’individuo che riescono a ricordare con una novizia di particolari quello che accade loro. Questa capacità si chiama ipermnesia e grazie ad essa è possibile archiviare e recuperare una quantità notevole di informazioni in maniera più rapida rispetto al normale.

***

Credits Immagine: DepositPhotos / leolintang

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali