informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il diritto pubblico: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Cos’è il diritto pubblico: quello che devi sapere Studiare a Reggio Emilia

Cos’è il diritto pubblico? Questa è una delle domande più gettonate tra gli studenti che si apprestano allo studio della giurisprudenza per la prima volta e, in questo articolo, proveremo a rispondere in modo chiaro ed esaustivo.

Per iniziare, possiamo dire che il diritto pubblico è quella branca del diritto che si occupa dello studio delle norme che disciplinano e regolamentano l’organizzazione e il funzionamento dello Stato, delle istituzioni e degli enti pubblici.

Inoltre, fa parte del diritto pubblico tutto ciò che concerne i rapporti fra il cittadino e gli enti cui sia riconosciuto il particolare status appunto “di diritto pubblico”.

Vediamo ora nello specifico cosa comprende il diritto pubblico e le principali differenze tra diritto pubblico e privato.

Definizione e branche del diritto pubblico

Dalle istituzioni di diritto pubblico al programma di studio per acquisire le basi della materia, ecco una serie di informazioni utili sul diritto pubblico.

Introduzione al diritto pubblico

Prima di capire cos’è il diritto pubblico, facciamo un passo indietro e cerchiamo di contestualizzare questa disciplina.

In generale, per diritto intendiamo un serie di norme che si occupano di regolamentare la vita della società. Si tratta di una branca delle scienze umane, che si divide in Diritto Pubblico e Diritto Privato. Entrambe le branche, poi, presentano delle ulteriori ramificazioni.

Come abbiamo accennato, per diritto pubblico intendiamo l’insieme di norme giuridiche che regolamentano e disciplinano l’organizzazione e il funzionamento dello Stato, degli enti pubblici, degli enti pubblici locali e delle istituzioni.

Vediamo ora qual è l’origine del diritto pubblico e cosa comprende.

Origini e caratteristiche

Il diritto pubblico si occupa di disciplinare i rapporti tra soggetti che non si trovano in posizione paritaria ed in cui vi è qualcuno in posizione di supremazia o di autorità rispetto agli altri. Generalmente, il soggetto che si trova in posizione di privilegio rispetto all’altro è lo Stato.

Le principali ramificazioni afferibili al diritto pubblico sono:

  • Diritto amministrativo
  • Diritto costituzionale
  • Diritto comunitario
  • Diritto amministrativo militare
  • Diritto ecclesiastico
  • Diritto pubblico dell’economia
  • Diritto parlamentare
  • Diritto regionale
  • Diritto urbanistico
  • Diritto processuale internazionale
  • Diritto tributario.

Parlando di storia e origini del diritto italiano, possiamo dire che la scienza giuspubblicistica nostrana sorge sul finire del XIX secolo nel pieno della creazione del nuovo Stato italiano.

A dare un contributo importante in tal senso è uno dei più importanti giuristi italiani: Vittorio Emanuele Orlando.

Orlando, infatti, fondò una Scuola di Diritto pubblico e di supportarla mediante un rivista, l’Archivio di diritto pubblico e la redazione di due manuali (uno di diritto amministrativo e uno di diritto costituzionale).

Accanto ad Orlando, una personalità molto importante è quella di Santi Romano, che continuò lo sviluppo delle sue teorie.
Un’altra figura fondamentale della giuspubblicistica è Santi Romano il quale continuò a sviluppare le teorie di Orlando.

Dopo le modifiche dell’assetto costituzionale del ventennio fascista, una delle figure di spicco della cultura giuspubblicistica che può finalmente emergere nella Repubblica è Costantino Mortati, che ha dato un grande contributo alla disciplina con i suoi studi.

Differenza tra diritto pubblico e privato

Ora che abbiamo visto cos’è il diritto pubblico, cerchiamo di capire quali sono le differenze con il diritto privato e le peculiarità di quest’ultimo.

diritto pubblico e privato

Anzitutto, per diritto privato intendiamo quella branca del diritto che regola i rapporti intersoggettivi tra i singoli consociati (persone fisiche e persone giuridiche), in relazione alla sfera patrimoniale ma anche personale e familiare.

La differenza sostanziale tra diritto pubblico e privato si basa sulla natura privata o pubblica del rapporto giuridico tra i soggetti giuridici coinvolti.

Contrariamente al diritto privato, il diritto pubblico è orientato alla regolamentazione tra soggetti posti in una condizione di non parità, essendo gli enti pubblici dei soggetti giuridici creati per il raggiungimento degli interessi collettivi e dotati di poteri di supremazia nei confronti dei privati.

Infatti, esercitando le sue funzioni, un ente pubblico può sacrificare l’interesse privato in virtù di quello collettivo. Nonostante questo principio, è bene ricordare che al di fuori del proprio ambito istituzionale anche l’ente pubblico è sottoposto al rispetto delle norme del diritto privato.

Studiare diritto pubblico: lauree Unicusano

Per comprendere più da vicino cos’è il diritto pubblico e quali sono le sue declinazioni, il Corso di Laurea per eccellenza è quello in Giurisprudenza.

Il nostro corso di laurea in Giurisprudenza, di durata quinquennale, ha tra i suoi obiettivi:

  • Acquisizione di una padronanza degli elementi della cultura giuridica di base, nazionale ed europea, anche con tecniche e metodologie casistiche, in rapporto a tematiche utili alla comprensione ed alla valutazione di principi ed istituti di diritto positivo moderno e contemporaneo;
  • Approfondimento di conoscenze storiche che consentano di valutare gli istituti del diritto positivo moderno anche nella prospettiva dell’evoluzione storica degli stessi;
  • Acquisire capacità di progettazione e stesura di testi giuridici (normativi, negoziali e processuali) adeguatamente argomentati, prodotti anche con l’uso di strumenti informatici.

Grazie alle nozioni acquisite nel corso, potrai comprendere fino in fondo cos’è il diritto pubblico e conoscere tutte le sue ramificazioni, già dal primo anno.

Tra gli insegnamenti previsti, menzioniamo:

  • Istituzioni di Diritto Pubblico
  • Istituzioni di Diritto Pubblico
  • Filosofia del Diritto
  • Istituzioni di diritto romano
  • Economia Politica
  • Diritto Privato
  • Diritto Costituzionale
  • Diritto Costituzionale
  • Diritto Amministrativo I
  • Diritto Amministrativo II
  • Diritto dell’Unione Europea
  • Lingua straniera.

Il nostro corso è fruibile online, grazie ad una piattaforma di e-learning attiva H24.

Con questa laurea, potrai accedere a professioni come l’avvocato, il magistrato, il notaio e l’esperto legale.

LEGGI ANCHECome diventare notaio: tutto quello che devi sapere

Come studiare diritto pubblico

Capire cos’è il diritto pubblico non è sufficiente per saperlo studiare nel modo giusto. Come tutte le discipline, anche il diritto richiede un metodo di studio universitario ad hoc, utile per memorizzare le nozioni velocemente.

Riprendendo il metodo di studio proposto da Bin e Pitruzzella, l’approccio al diritto vede tre momenti fondamentali:

  1. Differenziazione del lavoro, che prevede una prima lettura complessiva “passiva”, per capire l’estensione della materia, la sua suddivisione, i punti centrali;
  2. Seconda lettura “attiva”, in cui si deve sottolineare il testo, mettere in evidenza le definizioni, scrivere schemi e diagrammi;
  3. Terzo lavoro, che consiste nella ripetizione ad alta voce. Questo passaggio è indispensabile, perché serve per verificare l’effettiva comprensione delle nozioni.

In generale, possiamo dire che non esiste un metodo di studio universalmente adatto a tutti, anche se procedere con questi tre step può facilitarti di molto il lavoro. I riassunti di diritto pubblico e dispense eventuali possono essere ottime guide per iniziare il tuo lavoro di schematizzazione.

LEGGI ANCHECome studiare diritto privato: consigli utili

Per rispondere alle domande di diritto pubblico all’esame, è bene testare la tua preparazione ripetendo ciò che hai studiato senza avere il libro sotto gli occhi, verificando la tua padronanza delle nozioni.

Inoltre è buona prassi procurarti una copia della Costituzione, che ti servirà per possibili richiami e riferimenti approfonditi alla materia.

Hai le idee più chiare su cos’è il diritto pubblico e qual è l’approccio al suo studio?

Per iscriverti al nostro corso di laurea in Giurisprudenza e intraprendere una carriera nel settore legale, scrivici o chiama il numero verde 800.98.73.73

LEGGI ANCHEPiramide di Maslow: cos’è e perché è utile nello studio

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali