informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere un abstract tesi: consigli e linee guida

Commenti disabilitati su Come scrivere un abstract tesi: consigli e linee guida Studiare a Reggio Emilia

Sei alla ricerca di consigli su come scrivere un abstract tesi?

In questa guida ti spiegheremo che cos’è e a cosa serve l’abstract di una tesi di laurea, illustrandoti tutti i passaggi per la sua redazione e alcuni esempi di abstract in italiano.

Se sei in procinto di laurearti, sicuramente ti sarai chiesto tante volte come scrivere una tesi di laurea. La redazione della tesi è un processo lungo e laborioso, che richiede la giusta concentrazione e le giuste capacità.

Accanto al percorso per la scrittura della tesi, dall’introduzione alla bibliografia, troviamo una parte spesso sottovalutata ma ugualmente importante: l’abstract.

Vediamo ora tutto quello che devi sapere sull’abstract e sulle sue funzioni nella tua tesi di laurea.

Consigli utili per scrivere un abstract perfetto

Dalla definizione agli esempi di abstract, vediamo ora quali sono gli step per scrivere un abstract per la tua tesi di laurea.

Abstract: una definizione

Prima di vedere come scrivere un abstract tesi, cerchiamo di definire che cos’è un abstract e perché è utile.

L’abstract della tesi di laurea è una breve sintesi del contenuto di un documento, generalmente senza note aggiuntive di interpretazione o critica. Si tratta di una sorta di riassunto che tocca, attraverso alcuni concetti e parole significative, tutti gli aspetti del tuo lavoro.

La funzione dell’abstract è proprio quella di riepilogare i punti salienti di una tesi, partendo dall’argomento e illustrando la metodologia utilizzata, i dati elaborati e la spiegazione dei risultati a cui si è giunti.

Non confondere l’abstract con l’introduzione: le due cose sono completamente diverse sia nella struttura che nelle funzioni. Lo vedremo insieme nei prossimi paragrafi.

Funzioni dell’abstract tesi

Se ti stai chiedendo come scrivere un abstract tesi, sicuramente avrai un’idea della funzionalità di questo elemento.

Possiamo riassumere le funzioni di un abstract in questo schema:

  • Illustrare il titolo della tesi: la prima funzione di un abstract è quella di spiegare il titolo della tesi e la correlazione con l’argomento scelto;
  • Sintetizzare gli aspetti importanti: che si tratti di un abstract tesi compilativa o di ricerca, triennale o magistrale, lo scopo fondamentale di questo strumento è di fornire informazioni sulla tesi anche a chi non ha tempo di leggerla per intero;
  • Offrire una visione completa della tesi: l’abstract è utile anche per fornire una prima panoramica del tuo elaborato al lettore, illustrando i punti trattati nel corpo della tesi;
  • Spiegare la metodologia e l’approccio scientifico alla materia: è importante, in una tesi, illustrare accuratamente la metodologia di lavoro adottata e il perché della scelta di un determinato approccio.

Best practice per la stesura dell’abstract

Parlando di come scrivere un abstract tesi, possiamo dire che non esistono delle regole universalmente valide. Ci sono, però, molti consigli utili per la stesura di un abstract efficace.

In prima battuta, ti consigliamo di stilare una vera e propria scaletta da seguire, in modo da avere già chiari i punti da toccare.

Tieni in considerazione anche che un buon abstract non è più lungo del 5% dell’intera tesi triennale o magistrale: si tratterà, dunque, di scrivere circa 250 – 300 parole.

A proposito della collocazione all’interno della tesi, l’abstract va inserito dopo la prefazione e prima dell’indice.

Vediamo ora quali sono i passaggi da seguire per la scrittura di un abstract:

  • Argomento della tesi: inizia il tuo abstract analizzando l’argomento della tua tesi, esplicando le domande e le teorie che hai formulato circa l’oggetto d’indagine;
  • Svolgimento del lavoro di ricerca: indica il metodo e l’approccio scelto durante lo svolgimento della tesi, evidenziando i punti salienti;
  • Conclusioni: spiega al lettore quali sono i risultati che hai ottenuto dal tuo lavoro e quali sono le sue conclusioni.

Ti raccomandiamo anche di non parlare in prima persona: la forma impersonale, in questo caso, è molto più calzante. Sui tempi verbali, ti consigliamo il presente o il passato prossimo.

Vediamo ora un esempio di abstract al presente e uno al passato prossimo:

  1. Presente – Lo studio dimostra che la maggioranza degli intervistati preferisce, come meta delle vacanze estive, una località di mare;
  2. Passato prossimo – Lo studio ha dimostrato che la maggioranza degli intervistati preferisce, come meta delle vacanze estive, una località di mare.

Altro aspetto importantissimo: se la tua tesi è in lingua inglese, ovviamente, dovrai redigere un abstract in inglese.

Ultimi accorgimenti di stile

Ora che abbiamo visto come scrivere un abstract tesi, ecco gli ultimi accorgimenti di stile da adottare:

  • Se utilizzi degli acronimi devi necessariamente decodificarli alla prima citazione, tra parentesi. Ad esempio CSM (Consiglio Superiore della Magistratura);
  • Evita parole di utilizzo non comune o gergali;
  • Fai attenzione agli errori grammaticali e rivedi sempre il testo prima di consegnare il tuo lavoro.

Hai le idee più chiare su come scrivere un abstract tesi?

Siamo sicuri che, grazie ai consigli dell’Università Niccolò Cusano, riuscirai ad integrare la tua tesi di questo utile e significativo elemento.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali