informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere un abstract tesi: consigli e linee guida

Commenti disabilitati su Come scrivere un abstract tesi: consigli e linee guida Studiare a Reggio Emilia

Sei alla ricerca di consigli su come scrivere un abstract tesi?

In questa guida ti spiegheremo che cos’è e a cosa serve l’abstract di una tesi di laurea, illustrandoti tutti i passaggi per la sua redazione e alcuni esempi di abstract in italiano.

Se sei in procinto di laurearti, sicuramente ti sarai chiesto tante volte come scrivere una tesi di laurea. La redazione della tesi è un processo lungo e laborioso, che richiede la giusta concentrazione e le giuste capacità.

Accanto al percorso per la scrittura della tesi, dall’introduzione alla bibliografia, troviamo una parte spesso sottovalutata ma ugualmente importante: l’abstract.

Vediamo ora tutto quello che devi sapere sull’abstract e sulle sue funzioni nella tua tesi di laurea.

Consigli utili per scrivere un abstract perfetto

Dalla definizione agli esempi di abstract, vediamo ora quali sono gli step per scrivere un abstract per la tua tesi di laurea.

Abstract: una definizione

Prima di vedere come scrivere un abstract tesi, cerchiamo di definire che cos’è un abstract e perché è utile.

L’abstract della tesi di laurea è una breve sintesi del contenuto di un documento, generalmente senza note aggiuntive di interpretazione o critica. Si tratta di una sorta di riassunto che tocca, attraverso alcuni concetti e parole significative, tutti gli aspetti del tuo lavoro.

La funzione dell’abstract è proprio quella di riepilogare i punti salienti di una tesi, partendo dall’argomento e illustrando la metodologia utilizzata, i dati elaborati e la spiegazione dei risultati a cui si è giunti.

Non confondere l’abstract con l’introduzione: le due cose sono completamente diverse sia nella struttura che nelle funzioni. Lo vedremo insieme nei prossimi paragrafi.

Funzioni dell’abstract tesi

Se ti stai chiedendo come scrivere un abstract tesi, sicuramente avrai un’idea della funzionalità di questo elemento.

Possiamo riassumere le funzioni di un abstract in questo schema:

  • Illustrare il titolo della tesi: la prima funzione di un abstract è quella di spiegare il titolo della tesi e la correlazione con l’argomento scelto;
  • Sintetizzare gli aspetti importanti: che si tratti di un abstract tesi compilativa o di ricerca, triennale o magistrale, lo scopo fondamentale di questo strumento è di fornire informazioni sulla tesi anche a chi non ha tempo di leggerla per intero;
  • Offrire una visione completa della tesi: l’abstract è utile anche per fornire una prima panoramica del tuo elaborato al lettore, illustrando i punti trattati nel corpo della tesi;
  • Spiegare la metodologia e l’approccio scientifico alla materia: è importante, in una tesi, illustrare accuratamente la metodologia di lavoro adottata e il perché della scelta di un determinato approccio.

Best practice per la stesura dell’abstract

Parlando di come scrivere un abstract tesi, possiamo dire che non esistono delle regole universalmente valide. Ci sono, però, molti consigli utili per la stesura di un abstract efficace.

In prima battuta, ti consigliamo di stilare una vera e propria scaletta da seguire, in modo da avere già chiari i punti da toccare.

Tieni in considerazione anche che un buon abstract non è più lungo del 5% dell’intera tesi triennale o magistrale: si tratterà, dunque, di scrivere circa 250 – 300 parole.

A proposito della collocazione all’interno della tesi, l’abstract va inserito dopo la prefazione e prima dell’indice.

Vediamo ora quali sono i passaggi da seguire per la scrittura di un abstract:

  • Argomento della tesi: inizia il tuo abstract analizzando l’argomento della tua tesi, esplicando le domande e le teorie che hai formulato circa l’oggetto d’indagine;
  • Svolgimento del lavoro di ricerca: indica il metodo e l’approccio scelto durante lo svolgimento della tesi, evidenziando i punti salienti;
  • Conclusioni: spiega al lettore quali sono i risultati che hai ottenuto dal tuo lavoro e quali sono le sue conclusioni.

Ti raccomandiamo anche di non parlare in prima persona: la forma impersonale, in questo caso, è molto più calzante. Sui tempi verbali, ti consigliamo il presente o il passato prossimo.

Vediamo ora un esempio di abstract al presente e uno al passato prossimo:

  1. Presente – Lo studio dimostra che la maggioranza degli intervistati preferisce, come meta delle vacanze estive, una località di mare;
  2. Passato prossimo – Lo studio ha dimostrato che la maggioranza degli intervistati preferisce, come meta delle vacanze estive, una località di mare.

Altro aspetto importantissimo: se la tua tesi è in lingua inglese, ovviamente, dovrai redigere un abstract in inglese.

Ultimi accorgimenti di stile

Ora che abbiamo visto come scrivere un abstract tesi, ecco gli ultimi accorgimenti di stile da adottare:

  • Se utilizzi degli acronimi devi necessariamente decodificarli alla prima citazione, tra parentesi. Ad esempio CSM (Consiglio Superiore della Magistratura);
  • Evita parole di utilizzo non comune o gergali;
  • Fai attenzione agli errori grammaticali e rivedi sempre il testo prima di consegnare il tuo lavoro.

Hai le idee più chiare su come scrivere un abstract tesi?

Siamo sicuri che, grazie ai consigli dell’Università Niccolò Cusano, riuscirai ad integrare la tua tesi di questo utile e significativo elemento.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.