informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

I 5 divieti più strani nel mondo: le leggi che non ti aspetti

Commenti disabilitati su I 5 divieti più strani nel mondo: le leggi che non ti aspetti Studiare a Reggio Emilia

Dal divieto in Inghilterra di morire in Parlamento al divieto di cantare My Way di Frank Sinatra nelle Filippine e tirare lo sciacquone dopo le 22 in Svizzera. Dal divieto di fare jogging nel Burundi al divieto di commercio di ovetti Kinder negli Stati Uniti.

Ci sono moltissime leggi strane al mondo e apparentemente senza senso (alcune di loro, ai giorni nostri, non hanno davvero più senso).

Anche l’Italia non è esonerata: a Capri, a causa del troppo rumore che producono, sono vietati gli zoccoli in legno dal 1960.

Insomma, i divieti strani sono davvero tanti, ma noi ne vedremo 5 nel dettaglio. Ecco quali sono.

5 divieti strani (e alcuni divertenti) nel mondo

Divieti, strani, assurdi, ridicoli e talvolta divertenti: sono in tutto il mondo e sono parecchi. Molte leggi sono antiche e mai state abrogate, altre sono la conseguenza di uno stato e una cultura poco permissiva.

Vediamoli!

#1 In Cina sono vietati i film sui viaggi nel tempo

La Cina vieta i film e serie tv sui viaggi nel tempo.

La spiegazione è questa “Il suo contenuto e lo stile esagerato delle prestazioni sono discutibili […]. Inventano miti con leggerezza, hanno trame mostruose e arrivano a promuovere la superstizione, il fatalismo e la reincarnazione”.

Insomma, se sei un appassionato di film di fantascienza o di avventura, in Cina non troveresti di certo terreno fertile.

#2 In Sud Corea è illegale tatuare

In Corea del Sud è vietato essere tatuatori ma non sono illegali i tatuaggi. Come è possibile?

Solamente al personale medico può eseguire tatuaggi.

I tatuatori però, non mancano: anzi, sono molti e davvero talentuosi, ma sono costretti a lavorare in altri Paesi.

#3 In Gran Bretagna è vietato possedere un salmone in modo sospetto

Le leggi curiose risalenti all’antichità (e mai cambiate da allora) sono più di quante ci aspetteremo in Gran Bretagna. Quella che più ci ha fatto sorridere è forse la Salmon Act, una legge risalente al 1986, che vieta di illegale possedere o trafficare salmone in modo sospetto.

A sfidare questa legge ci ha pensato il giornalista (famoso per i suoi scherzi seriali) Oobah Butler, in un suo video per Vice “Ho sfidato un sacco di vecchie leggi per vedere se mi avrebbero arrestato”. Butler si è infatti messo a gironzolare per le strade di Londra tenendo in braccio un salmone e chiedendo ai passanti se era abbastanza sospettoso.

Altre leggi che ha infranto? Entrare in parlamento indossando un’armatura (legge risalente al 1300), cantare “serenate oscene” davanti alla casa del Primo Ministro. Poi, ha infranto altre 3 leggi: sventolare un tappeto impolverato indossando una gorgiera (il colletto pieghettato tipico dell’abbigliamento aristocratico dal 1500 al 1700), a piedi scalzi e davanti a Buckingham Palace. Le guardie, dopo essersi avvicinate un poco sorprese, hanno riso vedendo le telecamere e spiegata la situazione.

Insomma, sembra che su alcune leggi i britannici chiudano un occhio.

#4 A Singapore sono vietate le gomme da masticare

Sapevi che Singapore è conosciuta come la “città delle multe”? La città-stato è tappezzata di cartelli che recano i vari divieti e il relativo ammontare di multa.

Il divieto che ci sembra tra i più strani è il possedere (e importare) gomme da masticare. Questa legge è pensata per risparmiare sulla pulizia delle strade e marciapiedi.

Altri divieti? Stare nudi in casa se non si hanno le tapparelle abbassate, fumare dove non ci sono i posacenere, non trasportare i durian non confezionati nei mezzi pubblici, poiché questo frutto tipico ha un odore forte e sgradevole.

#5 In Thailandia non si può camminare sopra al denaro

Negli ultimi anni, la Thailandia è sicuramente tra le mete più gettonate del turismo. A renderla famosa nel mondo, le sue spiagge, i suoi paesaggi incontaminati e i suoi tramonti sul mare. E se ci fossero anche qui degli strani divieti?

Ebbene si! Ad esempio, in Thailandia è assolutamente proibito calpestare il denaro. La ragione? Le banconote ospitano il volto del re e, dunque, calpestarlo rappresenterebbe un grave oltraggio alla famiglia reale, anche se fatto involontariamente o con ingenuità.

Come vedi, i divieti strani nel mondo sono davvero molti: se stai studiando giurisprudenza o sei semplicemente curioso, probabilmente troverai qualche divieto curioso anche in Italia. Non ci resta che augurarti in bocca al lupo per i tuoi studi e, se viaggi, di ricordarti questi divieti per evitare brutte sorprese!

***

Credits Immagine: DepositPhotos / bakerjarvis

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali